Romania: sorpresa e meraviglia

Postato in: Romania

Dici Romania e il risultato è garantito: sorpresa, meraviglia, soddisfazione. Così è questa terra che, a dispetto di una immagine pubblica ancora problematica (frutto di pregiudizi, figli sempre di ignoranza), custodisce invece un patrimonio paesaggistico e storico-culturale di prima grandezza. Per non dire della cordialità della sua gente, la tipicità dei suoi ambienti, la gustosità della sua cucina.

Da dove cominciare? L’imbarazzo della scelta c’è, eccome, ma subito ci viene in aiuto la programmazione Caldana, con itinerari e formule adatti a tutti i gusti e possibilità.

Classico dei classici, vero evergreen, è il Transilvania e Dracula Tour, viaggio in una delle tre regioni storiche del Paese (le altre due sono la Moldavia a est e la Valacchia a sud) associata nell’immaginario collettivo alla figura del principe Vlad Tepes, che lo scrittore irlandese Bram Stoker ha fantasiosamente trasformato nel personaggio vampiresco di Dracula. Il vero tesoro della Transilvania, però, è quel che vi hanno lasciato antiche popolazioni sassoni e ungheresi, che qui hanno a lungo vissuto insieme ai romeni, dando vita a città-gioiello come Sibiu e Brasov, castelli imponenti come quello di Hunedoara, cittadelle di romantica bellezza come la medievale Sighisoara o, nei dintorni, lo strepitoso borgo con chiesa fortificata di Biertan.

Sibiu

Sibiu

Qui c’è tanto da scoprire: a chi vuole vedere di più è dedicata la settimana del tour Romantica Transilvania, con tappa anche all’elegante castello di Sinaia, alla città di Alba Iulia, al delizioso Museo delle icone su vetro di Sibiel, ma anche chi ha poco tempo a disposizione gusterà i cinque giorni del tour La Leggenda del Conte Dracula.

Romania significa intensa spiritualità e grande arte. Cuore storico dell’anima romena è la Bucovina, porzione della più grande regione di Moldavia, all’estremo nord-est. Qui si trovano i grandi monasteri ortodossi, che tra Moldovita, Sucevita e Voronet, con le loro chiese cinquecentesche affrescate anche all’esterno, cantano nei secoli lo splendore dell’Eterno. Bucovina, dove il cielo bacia la terra: meglio non poteva intitolarsi il tour Caldana alla scoperta del cuore spirituale della Romania. Con chicche incredibili: si passa infatti anche dal Maramures, lembo di terra boscosa all’estremo nord, dove un’antica civiltà del legno si riflette spettacolarmente in abitazioni e portali che sulla strada da Ieud a Baia Mare raccontano un mondo d’altri tempi, insieme alle decoratissime case di Ciocanesti e al leggendario «Cimitero allegro» di Sapanta.

Costruzioni in legno a Maramures

Costruzione in legno a Maramures

Godersi la Transilvania, abbracciare la Bucovina: accade nel tour Castelli della Transilvania e Monasteri della Bucovina, otto giorni fatti apposta per vedere il meglio delle due regioni romene culturalmente più ricche. Ma c’è ancora dell’altro: avete qualche giorno di tempo in più? conoscete la passione profonda del viaggiare? Allora concedetevi il meglio, il massimo: Gran Tour della Romania, dodici giorni di spettacolo alla scoperta dell’intera Romania, incluso il favoloso Delta del Danubio, un mondo di acque, fiori, piante,animali che non troverete da nessun’altra parte, con vicina la bella città di Costanza, sul Mar Nero, e poi naturalmente Bucarest, capitale da scoprire, insieme alle occidentali Timisoara e Oradea.

Il delta del

Il delta del Danubio

Dici Romania, dici sorpresa. Proprio così: bella, spettacolare, piacevole. Indimenticabile.

    Aggiungi commento

    Giovanni Ruggeri
    Caldana si presenta…