Recensione di Viaggio: Meraviglie dell’Austria 25/7-30/7 2017

Vi dirò tutto di questi splendidi giorni nel territorio austriaco, dei mille aspetti positivi ma anche di quel poco che può essere migliorato. Partenza puntuale da Verona, il tour si è snodato come programma tra i luoghi più suggestivi dell’Austria, parliamo di Innsbruck, passando per Salisburgo, Linz, fino ad approdare a Vienna. Dopo due giorni nella capitale, il rientro in Italia con breve toccata nel centro di Graz. Discretamente comodo e pulito il pullman, affidato alla sapiente guida del “maestro autista” Elvis, uomo di poche parole ma grande sostanza. Il gruppo, molto puntuale ed educato (e mica è scontato…), è stato coordinato dal vero valore aggiunto del tour, la guida Cristina, professionista dalla testa ai piedi, interessata ma mai invasiva, ferma ed educata, che ha indirizzato la vacanza verso il successo. Sulla bellezza naturalistica, architettonica intrisa di storia millenaria, non mi soffermerei più di tanto, è li da vedere e lo consiglio vivamente. Oltre alle visite di prassi nelle città più importanti, il tour è stato impreziosito da una mini crociera sul Danubio dopo la visita all’Abbazia di Melk, da un piccola cena in un locanda tipica viennese e da un’escursione (facoltativa) nel bosco viennese (a mio parere da non perdere…). Ottime le guide sul posto dal punto di vista della preparazione, nota di merito per Konrad a Vienna (spero di non aver sbagliato a scrivere il nome): un omone di una conoscenza poco comune e non solo di Vienna, qualcuno potrà obiettare che forse fa “poche” pause nel parlare, ma è un oratore a mio parere eccezionale. I tre alberghi nei quali abbiamo soggiornato sono tutti 4 stelle davvero meritate, forse non proprio in centro, ma forse anche meglio: più tranquilli e volendo con la metro è davvero un attimo immergersi nel bailamme del centro città. Concludo, come promesso, con quegli aspetti secondo me migliorabili davvero con poco: la vacanza era in formula mezza pensione con cena compresa. Ecco, un pasto con almeno una possibilità di scelta l’avrei preferito all’ unico piatto proposto (seppur di buona qualità). Per questioni di gusto o di digestione, quello offerto potrebbe non essere troppo gradito. Ultima nota, avendo soggiornato in tripla: a parte il primo albergo, nei secondi due, stanza sufficientemente ampia ma terzo letto ricavato da una brandina: per ragazzi di una certa altezza non proprio comoda, non ci stanno! Meglio un terzo vero letto. In definitiva davvero una bella vacanza, consiglio sicuramente.

Fabrizio

    Aggiungi commento

    Diario di Viaggio: Meraviglie dell’Austria del 25.07
    Recensione Gran Tour Della Romania dal 19/07/2017 al 30/07/2017