Provenza e Camargue – Esprit de Provence

01.05.2013= L’inverno è stato lungo, e la primavera non pensa proprio di volerci beneficiare con un tempo migliore, ma questo viaggio lo desideravo da molto tempo, ed anche senza compagnia questa volta vado lo stesso…

Partita……  la Provenza mi aspetta. La fermata successiva conosciamo la nostra guida Alessandra, assegnazione dei posti, conteggio dei gitanti e via. Nel silenzio generale e mentre ognuno di noi si allontana dalla propria quotidianità andiamo verso la Francia. L’autostrada scorre ed anche i miei pensieri, chi legge, chi dorme, chi chiacchera. Oltre il confine finalmente il sole e lasciandoci alle spalle la pioggia ci sentiamo tutti rinfrancati, Alessandra ci spiega le tappe del nostro tour e cominciano le prime conoscenze dei partecipanti. All’ora di pranzo durante la sosta ne conosco alcuni  e con loro risalgo sul pullman chiacchierando. Tra una chiacchera e l’altra raggiungiamo la prima città: AIX EN PROVENCE.  Scendiamo  dal  pullman  e percorriamo il lungo corso Mirabeau con la nostra guida francese, Salvatore (che francese non è),  il quale ci spiega e ci accompagna tra le vie di questa bellissima cittadina. Aix ha una luce tutta speciale, il sole la illumina e la inonda, noi tutti rimaniamo affascinati dall’atmosfera fresca ed accogliente, ci sono parecchi turisti, ma tutto è composto e quasi ovattato. Salvatore ci mostra la cattedrale di Saint Sauveur, tenendoci lezioni di storia, geografia e pittura.

Nel tardo pomeriggio arriviamo a Marsiglia che ci ospiterà e dopo la cena tutti in hotel.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

02.05.2013= Di buon’ora si parte per  CASSIS, rimaniamo tutti incantati dalla meraviglia di questo piccolo porto, con i suoi profumi e colori e dopo una passeggiata  per le vie con i caratteristici negozi ci imbarchiamo per scoprire i Calanchi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Bianche falesie che si estendono per parecchi kilometri svettando alte dal mare.  Il sole ci accompagna rendendo scintillante tutto il paesaggio, una vera gioia per lo sguardo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel pomeriggio Alessandra e Salvatore, le nostre guide ci accompagnano per una visita a Marsiglia, che tra lo stupore generale, troviamo moderna e  multietnica. Saliamo fino a Notre Dame de la Garde, chiesa in stile bizantino che  dall’alto protegge la città. Da lassù la vista  è magnifica. Marsiglia si estende a semicerchio, con il suo porto e le sue colline.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

03.05.2013= Oggi andiamo ad Avignone con la visita al Palazzo dei Papi. Siamo tutti impazienti, ormai le amicizie di viaggio si sono consolidate, e  in piccoli gruppi,  ascoltiamo in religioso silenzio la lezione storica che Salvatore ci impartisce, tra scolaresche vocianti e professori preoccupati. Il Palazzo si erge massiccio e imponente carico della sua storia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo un veloce pranzo, in una piazzetta del centro di Avignone, si riparte per Les Baux. Veramente particolare questo piccolo centro scolpito nella roccia, dove si estraeva la bauxite, da cui il suo nome . Scattiamo fotografie e ci arrampichiamo fino alla cima per vedere il paesaggio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Di seguito Saint Remy, sosta in questo centro turistico ai piedi delle Alpilles per una passeggiata. Dopo cena si torna in hotel, per un meritato riposo, domani ci attende la Camargue.

 

04.05.2013= La regione della Camargue, ci accoglie velata da una leggera foschia. Questa mattina si prospettava la pioggia, ma allontanandoci da Marsiglia, un raggio di sole ci ha preannunciato quella che sarebbe stata una magnifica giornata  Mi aspettavo una regione selvaggia, mentre ho trovato una natura placida,  avvolta da un’aura soffusa. La prima tappa è Les Saintes Maries de la Mer che ci ha risvegliato con i suoi colori. La somiglianza con i villaggi spagnoli è veramente impressionante. Il pranzo si svolto in un tipico ristorante, mentre mangiando paella un chitarrista intonava brani dei Gipsy King, immaginate l’effetto! La popolazione ha i lineamenti tipici dei gitani, per loro questo è un luogo di pellegrinaggi. Dopo pranzo, imbarco per una mini-crociera, qui il Mar Mediterraneo si incontra con la foce del Rodano, la natura è incontaminata e sotto un cielo strepitosamente azzurro, credo di aver scattato circa duecento fotografie. Tori e cavalli allo stato brado e lo scintillio del sole sull’acqua.

Si riparte per Aigues Mortes che contrariamente al suo nome, ci accoglie vivace e colorata gremita di turisti, un vero salotto a cielo aperto.

Torniamo a Marsiglia per la nostra ultima serata in terra di Provenza. Alcuni di noi andranno in centro per una serata unica nel suo genere. Marsiglia illuminata da migliaia di fuochi sparsi per il centro, la città accoglierà circa duecentomila persone, per questo spettacolo:

“Marsiglia by night illuminata ed infuocata”

 

05.05.2013= Siamo quasi alla fine di questa nostra vacanza, prima di tornare in Italia, faremo tappa a Nizza. Sul pullman i miei compagni ed io ci sambiamo gli indirizzi, i numeri di telefono e tante promesse di ritrovarci per altre occasioni di viaggi insieme. In un attimo siamo a Nizza, due nostri compagni che conoscono la città ci accompagnano sulla collina, dove un bellismo parco ci permette di vedere la città dall’alto. Oggi Nizza, elegante e sinuosa è leggermente velata di foschia e di nubi, sotto di noi la Promenade des Anglais si snoda  in tutta la sua lunghezza.

Si riparte e malinconicamente ci avviamo verso il ritorno. In Italia ci aspetta un temporale che ha messo alla prova l’abilità del nostro autista Diego, che per tutta la vacanza ci ha accompagnati, silenzioso e fidato, anche stavolta ci fa sentire protetti  mentre ognuno di noi ricomincia a pensare alla propria quotidianità. La magia di questo viaggio ci permetterà di affrontare i prossimi giorni ed i nostri impegni con rinnovato spirito, certi che altre mete ci attendono in compagnia di questi nuovi amici e di tanti altri che incontreremo “strada facendo”.

 

Auguro a tutti i miei compagni di viaggio      “Buona Vita!”… alla prossima!

Donatella Muzi (Palazzolo sull’Oglio – BS)

    Aggiungi commento

    Caldana si presenta…
    Laura Rovida