lubiana-zagabria-bled-plitvice-istria-caldana

Diario di viaggio Lubiana, Zagabria, Laghi di Plitvice e Istria

Sono un cliente abituale di CALDANA TRAVEL e ho partecipato al meraviglioso viaggio ‘’Lubiana, Zagabria, Bled e Laghi di Plitvice’’ del periodo dal 16/08/2017 fino al 20/08/2017. Il gruppo era numeroso ma molto affiatato, 48 persone, la accompagnatrice Tiziana è stata bravissima e molto disponibile, l’autista Luciano ha compiuto manovre veramente eccezionali negli stretti e scomodi parcheggi e nelle viuzze delle piccole cittadine croate.

I laghi, Bled in Slovenia e i Laghi di Plitvice in Croazia, sono stupendi nel loro colore naturale azzurro, sembrano specchi di acqua. Il Lago di Bled ha la particolarità delle barche a remi guidate da barcaioli molto energici che sono in grado di trasportare fino a 15 turisti sull’isoletta della Chiesetta di San Martino, posizionata su una piccola collina per raggiungere la quale si devono scalare cento gradini, e da quella collina si gode una vista meravigliosa sul lago.

Lubiana, la bellissima capitale slovena bagnata dal fiume Ljubljanika, presenta due ponti pittoreschi e molto belli come lo Zmaiskj Most, il ponte dei due draghetti verdi che sono il simbolo della capitale slovena, e il Ponte Triplice che è una splendida costruzione grazie alla quale il ponte si divide in tre diverse sezioni. Dal centro si possono facilmente raggiungere edifici dalle facciate molto eleganti come l’Accademia Filarmonica e la Galleria Nazionale della pittura slovena, che ho visitato individualmente nel tempo libero messo a disposizione dall’accompagnatrice e nella quale una sezione dedicata ai quadri dei pittori impressionisti sloveni sforna ed esibisce capolavori sorprendenti dipinti dal talento degli artisti sloveni come Matjas Jama e la pittrice Ivana Kobilca.

Zagabria, la capitale croata, presenta la bellissima chiesetta di San Marco con il tetto di tegole colorate sulle quali sono raffigurate i simboli della bandiera croata e lo stemma della capitale, questa chiesetta è il simbolo di Zagabria.

L’eccellente guida locale Goran ci ha fornito informazioni precise e dettagliate delle abitudini di vita croate, ma il vero gioiellino del viaggio è stata la visita dei Laghi di Plitivice, oasi naturale formata dal ‘’polmone verde’’ di un bellissimo percorso pedonale in riva ai laghi azzurri. Le cascate portavano i segni di una estate torrida ed erano povere di acqua, mentre gli sbalzi di acqua che collegavano laghi inferiori e laghi superiori sono incantevoli. Si possono vedere piccole forme di vita come quelle dei pesci e dei rami di albero caduti nel laghetto e lasciati nel punto esatto in cui sono caduti, le entrate delle grotte e le passarelle di legno che attraversano i laghetti e collegano le due rive opposte di ogni singolo laghetto.

La sera siamo arrivati ad Abbazia, in lingua croata Opatija, cittadina turistica in riva al mare e con una passeggiata di diversi chilometri sul lungo mare, dotata di un parco molto bello come quello della Villa Angiolina e abbellita dal simbolo della statuetta di una ragazza che ha in mano un gabbiano, mentre dalla collina che sovrasta Opatija si gode una vista spettacolare del Golfo del Quarnero.

Abbiamo visitato i paeselli in riva al mare di Rovinji e di Porec, Rovigno e Parenzo, con i loro mercatini rionali e i loro vicoli, a Rovinji in cima alla collina si trova la Chiesa di Santa Eufemia con il Sacro Sarcofago in cui è conservata la reliquia della santa. Tra i due paeselli, in cui si possono trovare diversi negozi di souvenir per turisti e molti piccoli ristoranti che servono ottimi piatti di pesce, abbiamo fatto una breve sosta panoramica per visitare ‘’Limsky Fjord’’, il fiordo della Croazia che sembra un piccolo angolo ‘’norvegese’’ immerso nella nazione croata. La visita della immensa e spettacolare Arena di Pola, con i resti di quello che fu un enorme teatro di costruzione romana in cui si svolgevano spettacoli circensi e lotte dei gladiatori, ha concluso in bellezza la giornata dedicata alle cittadine dell’Istria.

Il giorno del rientro è stato dominato dalla visita alle Grotte di Postumia con il percorso in parte su trenino e in parte pedonale, ci ha permesso di visitare il paradiso sotterraneo naturale carsico fatto di stalattiti e stalagmiti, di piccole pozze di acqua che si formano naturalmente, di ‘’piccole grotte all’interno delle grandi grotte’’ mentre le guide locali ci spiegavano i momenti di formazione geologica di queste cavità naturali e ci mostravano una piccola riproduzione in miniatura del ‘’proton’’, l’animaletto a forma di salamandra che vive nelle grotte e che può sopravvivere fino a 100 anni di età.

E’ stato un viaggio bellissimo, con un ottimo programma e ben condotto dall’accompagnatrice Tiziana e dall’autista Lorenzo, e ringrazio tutte le persone che nei ruoli di guide locali e di accompagnatori oppure come semplici turisti e compagni di viaggio hanno condiviso con me questa esperienza di cinque giorni in Croazia e in Slovenia.

Guido

    Aggiungi commento

    Recensione Tour Romantico Reno dal 16 al 20 Agosto 2017
    Diario di Viaggio Sua Maestà Londra dal 7 al 14 Agosto 2017